I colori dell'Abbandono - Sito Paolo

Vai ai contenuti
Mostre
novembre 2017
I colori dell’abbandono
Paolo, bravissimo fotografo, in questa mostra ha colto l’essenza dei colori in luoghi abbandonati. La staticità di murales variopinti o la dinamicità dei colori dà l’immagine di moderni quadri che stimolano eccellenti clic fotografici. I Clic, tra tenui riflessi o forti pennellate, hanno “un’anima!” E catturando la sensibilità di Barbara diventano bellissime ipensieri. I testi, giocando con le parole, sono illuminanti raggi che celebrano e non dimenticano “antiche” quotidianità. E, tra un’apoteosi di riflessi chiaro-scuri, danno vita a voci, ormai, silenti! L’eccitato battito di questi luoghi non è più seguito dal ritmo dell’esistenza, ma da danze di colore. Le più svariate sfumature si mischiano, si intrecciano, si accoppiano per dar luce ad un muro, ad un pavimento o a svariati oggetti. Le luminosità, le ombre, le oscurità, le solarità che, si infiltrano, si insinuano tra le macchie arancioni, azzurre, bianche, blu, blu elettrico, gialle, grigie, rosse, verdi, danno un aspetto “diverso” alle stanze abbandonate. La “diversità dell’abbandono” non può essere oggetto di devastante squallore! Deve, piuttosto, essere un volano tra passato e presente!

La Storia siamo noi questo prato di aghi sotto il cielo…
...La Storia non si ferma davvero davanti ad un portone
La Storia entra nelle stanze e le brucia…
La Storia siamo noi… siamo noi padri e figli…
(La Storia, Francesco De Gregori, 1984)

Angela Vaccaro
"I colori dell'abbandono"
Fotografie di Paolo Ugolini
poesie di Barbara Dei

280 partecipanti, tanti commenti positivi, tanta soddisfazione.
Paolo e Barbara ringraziano tutti per la riuscita di questa mostra in particolar modo: Andrea , Alessandro, Claudio, Sandra, Stefano, Veronique per aver dato un aiuto specifico per ogni campo di loro competenza.
Torna ai contenuti